Notizie dallo SVE a Bodrum, Turchia: i volontari presentano l’Erasmus+ in scuole turche

Oggi condividiamo con voi un aggiornamento inviatoci dai volontari italiani del progetto SVE a Bodrum, in Turchia, “Think One Think Twice Think Dance” sul tema della danza e la mobilità giovanile, all’interno del programma Erasmus+. In queste parole i volontari raccontano della loro esperienza nelle classi turche, a tema Erasmus+.

 

ArticoloEVS_Agnese_Bodrum_001

 

Nei primi giorni di maggio, i 32 volontari EVS del progetto Think One ­ Think Twice ­ Think Dance (Bodrum, Turkiye), accompagnati da alcuni volontari turchi, hanno visitato le scuole superiori di Bodrum con l’intento di condividere con gli studenti le opportunità che il programma Erasmus+ offre. I volontari sono stati accolti con grande attenzione ed entusiasmo e l’atmosfera è stata accogliente in ogni classe, gli studenti sono stati molto recettivi e operativi nel facilitare l’incontro. Gli sforzi dei volontari nel parlare nella lingua nativa degli studenti nonostante la limitata conoscenza del turco sono stati apprezzati con entusiasmo e addirittura applausi dalle classi.

 

La maggior parte dei teenager conosceva già l’esistenza dell’Erasmus+ e si sono mostrati particolarmente interessanti all’opportunità di viaggiare e studiare all’estero, imparare nuove culture senza doversi preoccupare di costi significativi. La genuina curiosità degli studenti turchi ha riempito i volontari EVS di positività e speranza che questi giovani studenti abbiano nel futuro la stessa fortuna di fare un’esperienza simile a quella che stanno facendo loro.

 

I volontari hanno riportato di aver trovato una “luce” particolare negli occhi degli studenti che li ha ricaricati emotivamente: i volontari hanno ricevuto tanta energia positiva e sorrisi, si sono sentiti benvoluti e apprezzati e non è stato semplice andarsene dalle classi. L’esperienza portata a casa è una di quelle “lezioni” che solo una comunicazione interculturale di questo tipo può dare.

 

 

Ringraziamo nuovamente i volontari per aver condiviso con noi queste bellissime e interessanti parole, piene di speranza e positività. Grazie.