Beatrice e il suo ESC a Samara

Un racconto (in inglese) scritto dalla nostra volontaria Beatrice, la quale ha partecipato al progetto “Samara SuperVolunteers” co-finanziato dal Programma Corpo Europeo di Solidarietà dell’Unione Europea.

Beatrice ha collaborato con un asilo che attua l’educazione steineriana nei confronti dei proprio bambini per incoraggiare la loro partecipazione a tutte le attività proposte. La volontaria ha quindi promosso la sua cultura e i processi interculturali supportando la formazione creativa dei bambini.

 

A fac totum spider and a train full of landscapes 

I’ve always thought that people going on a volunteering project are a new version of Mother Teresa of Calcutta, putting their time and energy at the disposal of other people in other countries. Then I decided that I wanted to go back to Russia again, in a different ways this time, not as an exchange student, so I started looking for associations and projects for young people.

I found the association Lastochki, working in a big city in the middle of Russia and I understood that that’s was I was looking for.

I wanted to discover the real soul of Russia, its traditions and habits and to improve my language knowledges: working in a Kindergarden could have been a perfect way to start. Moreover I asked to live in a host family, a decision that has is pros and cons but still I think it’s worthy if you want to  live the real Russian life.

In a few weeks everything was already decided and I was ready to leave for the big Russia.

Three days after my arrival I was sent with other 3 volunteers of Lastochki on the On Arrival Training, a very useful meeting with all the volunteers in Russia, where we could discuss our aims, our expectations, our feelings, fears and problems in order to work on them together. 

There I found two pictures that perfectly represent what is the ESC for me:

1) a spider sailing on a nutshell, trying to fulfil all the tasks needed, trying to survive and making everything go well.
2) a train travelling on a coloured landscape where each coach is represented a different landscape (mountain, lake, sunny day, cloudy day).

On the one hand the spider is me, trying to combine all the tasks I have both in my kindergarden (paying attention to the youngest children, playing with them, help them eating and get dressed, clean the floor and cutlery) and in general in the project life (organising international evenings with games and workshops, going to Russian classes, live with the family and take part to all the activities they propose to me, handle with the new challenging realities of the Russian culture).

On the other hand the train sums up the ESC experience in general: a period of time in a foreign country includes different moments, happy and sad, difficult and easy, lonely or full of people, satisfying or frustrating but you have to be ready to face all of them, keeping in mind that every feeling and situation is part of the “journey” and that is right to live it with all your energy and that you can always learn something from every situation, make them useful in order to repeat or avoid them in the future.

Working at a Kindergarden

After this 4-days training I started my project in the first Kindergarden, where I was a border- figure. The waldorf kindergardens have a strict plan of the day and the week, this means that after one week you already know what is approximately going on there. They have 5 different workshops, one for each day of the week (painting, taking care of the plants, preparing biscuits, working with wood etc) for the first part of the morning. Afterwards they gather together in a circle, sing songs, play games until the breakfast is ready. It’s interesting to learn all the rules they have, but it’s easier if you ask how you have to behave in order not to make any mistakes and being (kindly) yelled by the teacher. After breakfast there is one hour free time for playing inside (when you can play with every child, read books with them, build houses and any other thing that your creativity is able to invent) and then one hour on the playground in front of the Kindergarden, even if it’s cold or the ground is frozen, because they are really good equipped. I was asked to clean with the vacuum cleaner some areas of the kindergarden while the children were playing outside and then as soon as I finished I used to join them outside. It’s a lot of fun outside because you can play different games, team games too, and it’s much more active than inside.
After the walk it’s time for a fairytale and once is finished lunch is usually ready.
After lunch the children go directly to bed so I used to help cleaning the tables and sweep the floor and then I went home.
Working there every day until 2 pm is interesting and challenging: the amount of children brings you to make several things at the time like control what they do and whether they argue with each other, pay attention to all of them because everyone wants to tell you about something happened with the grandma, with the cat, on the bus or on the toilet. Speaking and spending time with the children is so freeing, firstly because they have another vision of the world and can surprise you every time and secondly because even if you speak with mistakes they don’t care and answer you as if you said the most grammatically correct sentence, so you don’t really need to worry about you knowledges and can just speak freely.

Moreover it’s very practical changing tasks so often because you don’t get bored of them and for example cleaning the floor alone and in silence can be really helpful and energizing and after 3 hours of playing with screaming children.

Of course there are also difficulties in these kinds of project: sometimes, especially at the beginning, it’s difficult to understand the language spoken by the kids and the teacher, as if they had their own secret and magical language. Some songs are hard to learn too, also because the topics can be very disparate but the easiest thing to do is to ask the teacher if they have the lyrics, or if they can explain you the meaning so that you can understand better what’s going on and try to remember it better and faster. One thing that I regret is that I didn’t insist too much to take part actively to the organisation of workshops, festivals and being generally more involved in the day activities, so I just did what they told me to do but I never really helped with the organisation. Probably it was lack of communication or interest from both sides. This happened during the first days too, because nobody explained me what I had to do, which was quite confusing at the beginning, but then I understood what I could or couldn’t do and decided what I wanted to do.

After three months, as agreed, I changed my Kindergarden. It was really sad to leave the first one, because I had already found my space, my role and my position during the day and with the children. I knew that it would have been different because of the smaller environment, the number of children and their way of development of the Waldorf system. As soon as I got there I immediately felt home because the teacher were very kind to me, explained me what were my tasks and how was the day organized. To that Kindegarden go only 6/7 children but they are more active and a little bit older than the children of the first Kindergarden so I didn’t get bored as I was afraid. It was a different experience because I was more involved in the games or activities and I had a little more time to have a conversation with the people working there. At the same time as it was smaller you don’t have that much space to move or to change “setting” during the day so sometimes  it feels you are 7 hours stuck in the same place but it’s okay.

Extra but important activities

What I also loved about my project in Samara were the activities we organized in the Lastochki office or cooperating with other local associations. In the office took place many international nights (depending on the nationality of the volunteers), cooking workshops, Christmas party, S. Valentine party etc. This means that we offered activities, games, meetings with discussion on different topics and these were perfect opportunities to meet new people, speak foreign languages, present our own culture, reflect on it and reflect on what would have been the best way to share it with people from other cultures, learn interesting and fun facts about other countries and create a pleasant and enjoyable atmosphere. The best thing is that every volunteer, even if we have different characters and not everyone is keen on speaking in front of other people or prepare activities but each of us tried to do its best and the result was, in my opinion, every time different but perfect.

Cooperating with other associations of Samara was a new challenge for me too and the same time was very interesting. It was a chance to learn about important topics (like environment protection) and share our knowledges with other people and again to spread infos about our culture. It was really stimulating and satisfying planning an event, working with other volunteers, coming to agreements, facing unforeseen events and speaking in front of many people.

Pleasantly unexpected

How nice is it, to be surprised? And when your expectations are exceeded?

Maybe because everything was decided in such little time I didn’t realize exactly was I was going to do, or maybe simply I underrated the program and was excited just by the idea of living abroad, in a host family and working with children and focused on that but already during the first weeks I understood that ESC was much more.

The coordinators asking about the trip, keeping contact with you, the host family, the mentor that helps you solving the main problems after the arrival and gives you support (a slice of Dodo “pizza” can be very useful sometimes) and the trainers of the meetings with all the other volunteers in Russia. It’s a big family, everyone knows each other, help each other and try their best to make you feel comfortable, at ease and to develop yourself.  I was positively impressed.
Moreover self development, under so many points of view, is something that I didn’t take into account and I only thought  about it at the “On Arrival Training”. When trainers asked us which were our aims for the project abroad most of us thought about learning Russian language, culture, cuisine and habits but then they showed us that this is only the tip of the iceberg. There are so many soft skills that you can develop and acquire by living abroad and facing so many new situations that, in the end, it seems that the time is too little to achieve them all. But the time is there, it’s yours and you only have to use it in the best way. This is the world that the Youthpass document and trainers opens to you, with the aim to make you taking advantage as much as possible from your project, reflecting about the non-formal learning process and becoming a active citizen. Amazing, isn’t it?

That is what I lived in the far and unknown Samara, which was the perfect frame for this incredible experience. I’ll be back soon.

Beatrice

Samara chiama Italia!

Adriana ci ha inviato questo splendido articolo direttamente da Samara. Sta svolgendo in Russia un progetto di volontariato “Samara SuperVolunteers” co-finanziato dal Programma Corpo Europeo di Solidarietà dell’Unione Europea.

Samara chiama Italia!

Eccomi qui per l’aggiornamento di metà progetto!

Sono qui a Samara da 4 mesi, e ormai mi sento a casa.

Questi mesi sono stati densi di attività e di impegni. È arrivato l’inverno anche in Russia, con neve e temperature che vanno dai -2 ai -15, ma questo non ha fermato le normali attività giornaliere. I russi infatti sono abituati sia alla neve che al freddo, quindi svolgono le normali attività con qualsiasi temperatura e con qualsiasi condizione meteorologica. Anche nella mia scuola le cose sono andate così, e con le prime nevi è stato molto bello uscire con i bambini a giocare nella neve. Nelle scuole russe infatti uscire all’aria aperta a giocare o a passeggiare è un’attività che viene fatta tutti i giorni, tranne quando il termometro scende sotto -10. Le maestre e i genitori sono estremamente attenti nel vestire adeguatamente i bambini. Indispensabili quindi stivali imbottiti, calzamaglie e tuta da sci, nonché sciarpa, cappello e guanti. E per asciugare in fretta i vestiti gelati e fradici di neve, ogni classe è dotata di un armadio asciugatore.

smart

In questi mesi è stato bello vedere come, pian pianino, i bimbi del mio gruppo stiano crescendo e diventando autonomi. Se le prime settimane dovevamo vestirli noi da capo a piedi, ora riescono a fare tutto, o quasi, da soli.

Il mese di dicembre è stato segnato dai preparativi per il capodanno russo sia nel mio progetto, che nell’intera città. I russi infatti festeggiano il capodanno in grande stile, poichè per loro è la festa che apre ufficialmente una settimana di vacanze che finisce con il Natale ortodosso, il 7 gennaio.

Il 26 dicembre i bambini delle varie classi della mia scuola hanno fatto una recita per i genitori, con la partecipazione di maestre e collaboratori, che è culminata con l’arrivo di Dyet Maros, Padre Gelo, una sorta di Babbo Natale Russo che arriva a capodanno, che ha portato loro dolci e li ha salutati. Con Dicembre Samara è stata addobbata a festa, ovunque splendevano enormi alberi di Natale, e in ogni strada sono state aggiunte luminarie. Con l’arrivo del gelo sono stati anche aperti numerosi Katok, piste di pattinaggio all’aria aperta, dove è possibile pattinare gratuitamente portandosi i pattini da casa.

Essendo il Natale ortodosso il 7 gennaio, il 25 dicembre è stato per me giorno lavorativo come tutti gli altri. Altri volontari hanno chiesto in questo giorno libero, ma ho preferito provare anche questa esperienza, vivere il 25 gennaio come un russo qualsiasi. Questo non vuol dire comunque che non abbia festeggiato, anzi! La settimana prima di Natale ho partecipato ad una serata interculturale organizzata dall’associazione studentesca di Samara, in cui noi ragazzi di varie nazionalità abbiamo parlato delle tradizioni natalizie dei nostri paesi. Il 24 sera abbiamo organizzato una piccola cena tra noi volontari in casa di alcuni amici, e abbiamo passato la vigilia tutti assieme ballando e cantando i canti tipici dei nostri rispettivi paesi, con alcuni amici russi che volevano respirare l’atmosfera natalizia dei paesi europei. È stata una serata molto intima e molto dolce, e mi sono sentita come a casa. Il 25 sera invece siamo stati alla festa natalizia organizzata dalla nostra hosting organization. Anche qui ognuno ha portato del cibo tipico natalizio della sua terra. Abbiamo fatto dei giochi, ci siamo scambiato gli auguri e abbiamo partecipato al il tradizionale scambio di doni.

smart

Il 31 dicembre infine ho preso l’aereo. Il mio visto scadeva, ed era tempo di tornare a casa per ottenerne uno nuovo.

La pratica di richiesta di nuovo visto ha richiesto più tempo del previsto, nonostante la richiesta di urgenza, in quanto il consolato era chiuso fino al Natale ortodosso.

Infine, il 18 gennaio, sono finalmente tornata a Samara.

La mia prima settimana di rientro è stata segnata dal trasloco in una nuova host family, poiché in quella precedente durante la mia assenza avevano avuto degli imprevisti. Attualmente vivo in una cittadina a circa un’ora e mezza da Samara, ma per fortuna a soli 20 minuti dal luogo dove si svolge il mio progetto. La famiglia è molto giovane, una coppia con una bimba piccola, e sono molto vivaci e dinamici. Rispetto alla città, l’aria qui è molto più pulita, e sono a pochi km da una zona con una vista molto, molto bella sul Volga. Nel tempo libero per ora ho visitato la zona, e ho assistito alle lezioni di inglese che la mia ospite fa nel pomeriggio per alcuni ragazzi. Come volontari attualmente abbiamo partecipato ad una trasmissione televisiva organizzata da alcuni ragazzi, in cui abbiamo parlato di cosa è per noi la Russia e delle differenze rispetto all’Italia.

Altri progetti sono in cantiere nei 2 mesi che mi restano, non vedo l’ora di mettermi ancora in gioco e di mettercela tutta per proseguire al meglio questo progetto!

Da Samara è tutto per ora!

Buona giornata!

 

Adriana Zoldan

Let’s go active with Samara Waldorf kindergarten: un progetto con i bambini

“Let’s go active with Samara Waldorf kindergarten” è stato un progetto co-finanziato dal Programma Erasmus+ della Commissione Europea.
Il progetto ha visto il coinvolgimento di tre volontari italiani, Simona, Lucia e Saverio, in attività dedicate ai bambini presso l’asilo Samara Waldorf Kindergarten.

Le associazioni coinvolte sono state Scambieuropei, come associazione di invio e di coordinamento, e Lastochki, come associazione di ricezione.

Il progetto aveva lo scopo di rafforzare l’apprendimento interculturale tra i volontari, i bambini e lo staff attraverso attività di promozione dell’integrazione.

I volontari hanno dunque diffuso i valori europei e l’importanza del volontariato nella comunità locale, diffondendo quindi un mutuo rispetto tra le diversità culturali.

Le principali attività dei volontari erano di supportare la vita quotidiana dei bambini organizzando e preparando anche attività non formali e creative.

I volontari hanno sempre utilizzato metodi non formali e hanno scoperto un nuovo sistema educativo, ovvero la metodologia di Steiner.

Il progetto ha portato un grande impatto sui volontari, bambini e comunità locale per quanto riguarda la scoperta di altre culture, avendo modo di riflettere anche sulla propria.
I volontari hanno raggiunto una grande crescita in termini personali, sociali e professionali, mettendosi quotidianamente alla prova per superare i propri limiti.

.

 

 

La lettera di Simona, volontaria a Samara

Simona è una volontaria europea che si trova attualmente a Samara, in Russia, presso l’associazione ospitante Icye Russia/Lastochki. Il progetto di volontariato è stato finanziato dal Programma Erasmus+ con il supporto della Commissione Europea!

nfd

Ciao a tutti, mi chiamo Simona e sono una volontaria a Samara, in Russia. Sto svolgendo il mio progetto di volontariato nel Waldorf Kindergarten di Samara, un asilo che segue la filosofia steineriana secondo la quale i bambini devono innanzitutto essere seguiti in un processo di crescita a 360°, lasciando molto spazio a lavoretti manuali e all’attività fisica.

Infatti, piuttosto che insegnare da subito ai bambini a leggere e scrivere, cosa che possono tranquillamente imparare in prima elementare, noi educatrici dell’asilo Waldorf proponiamo ogni giorno piccoli laboratori durante i quali i bambini imparano a collaborare con il resto del gruppo, a
conoscere il proprio corpo e a creare qualcosa di nuovo. Quindi la settimana è scandita da varie attività come creare figure di cera, preparare l’impasto per i biscotti, dipingere con gli acquerelli, creare giocattoli
in legno, prendersi cura delle piante dell’asilo, preparare l’insalata di verdure per il pranzo, ecc. Non mancano poi laboratori che non si ripetono ogni giorno ma che dipendono dal periodo dell’anno: per esempio, a novembre i bambini hanno passato una settimana a creare dei centrotavola autunnali, mentre a dicembre abbiamo imparato insieme a realizzare vari addobbi in pezza da appendere all’albero di Natale.

Oltre a queste attività, i bambini escono due volte al giorno per giocare all’aria aperta per un’ora, con qualsiasi condizione metereologica. Se devo essere onesta, da italiana abituata al sole e al caldo, all’inizio ci per me era molto strana l’idea che i bambini dovessero uscire con -10° per giocare nella neve, ma ben presto mi sono abituata anche io al clima russo e ora so che se ci sono 10 gradi sotto zero si può anche considerare la giornata abbastanza “calda”.

Ovviamente, la mia vita a Samara non è fatta solo di lavoro in asilo, e per fortuna non mancano anche attività di svago da fare in buona compagnia. La prima persona che ho conosciuto al mio arrivo a Samara il 27 ottobre è stata Mia, il mio mentor, che mi ha accompagnata a casa e mi ha aiutata con i vari documenti da portare alla mia organizzazione ospite. A casa ho conosciuto la mia host family, composta da mamma Irina, papà Albert e dalle due figlie di 16 e 13 anni, Lisa e Anja. Purtroppo, avendo orari molto diversi, non passo molto tempo con la mia famiglia, soprattutto con le ragazze, ma fortunatamente siamo riusciti a trascorrere momenti piacevoli durante il weekend. Ad esempio, lo scorso weekend, nonostante il freddo
non indifferente, Irina ed Albert mi hanno proposto di andare a Zarev Kurgan, una collina appena fuori Samara, in cima alla quale sorge una chiesetta ortodossa e da dove si può ammirare il paesaggio invernale.
Altre persone con cui trascorro i momenti liberi sono gli altri volontari che partecipano a progetti vari qui a Samara; ragazzi e ragazze che vengono dall’Italia come me, dalla Germania, dalla Polonia e dalla Serbia. Con
loro ho passeggiato per la città, provato la famosa banja russa raggiungendo la temperatura record di 120°C, partecipato alla festa di Natale organizzata dall’associazione Lastochki e in generale approfittato di
ogni attimo libero.

dav

Con l’avvicinarsi delle feste, che qui in Russia iniziano con il Capodanno e durano fino all’8 gennaio, sono sempre più i programmi su come trascorrere le vacanze: pattinare sul ghiaccio in piazza Kujbysev, la piazza più grande d’Europa, provare per la prima volta a sciare nel Zagorodnyj Park, andare a teatro per vedere il balletto russo in uno degli spettacoli più famosi, lo Schiaccianoci, viaggiare nella regione di Samara e magari arrivare fino agli Urali per ammirare il paesaggio mozzafiato e sconfinato che è una delle parti più belle dell’essere in Russia.

Non posso che sentirmi grata per questa esperienza unica; infatti il mio volontariato a Samara mi sta permettendo non solo di mettermi alla prova partecipando ad un progetto interessante, ma anche di conoscere persone di nazionalità diverse, viaggiare, scoprire luoghi e culture
diverse
dalla mia, migliorare la mia conoscenza del russo ed imparare a lavorare con i bambini. Sono già passati due mesi dal mio arrivo a Samara, e il mio obiettivo per il momento è godermi i prossimi 4 mesi e sfruttarli per vivere a pieno questa esperienza che sicuramente, in un modo o nell’altro, mi cambierà come persona e ricorderò per sempre!

L’arrivo di Saverio a Samara

 

Saverio è uno dei tre volontari europei che si trova attualmente a Samara per il progetto di volontariato “Let’s go active with Samara Waldorf
Kindergarten”, promosso e supportato dal Programma Erasmus+ dell’Unione Europea.

Una riflessione sul suo arrivo e la sua attuale permanenza.

Salve a tutti! Il mio nome è Saverio Barone e attualmente sono volontario presso l’asilo Waldorf Zjòrnyshko a Samara, Russia. Per chi non lo sapesse Samara è una delle maggiori città della Russia europea, che dal canto suo può vantare una popolazione di ben 1milione e mezzo di abitanti. La città è situata nella parte meridionale della Russia ed è collocata su una piccola penisoletta, che si affaccia sul fiume Volga. In questo breve (si spera) articolo cercherò di descrivere quella che è stata, fino a questo punto, la mia esperienza di volontariato in questo così lontano, ma allo stesso tempo vicino, luogo. Talmente lontano da trovarsi al di là del maestoso fiume Volga e allo stesso tempo così vicino a noi perché non a Samara, alla fine e che si dica quello si voglia, geograficamente ci troviamo ancora in Europa ( ne parlo in senso geografico non in senso politico). Prima di andare oltre e descrivere la mia esperienza, penso di dovermi presentare come si deve e descrivere nella maniera più rapida possibile chi sono.

Il mio nome già lo sapete, Saverio o Sasso per amici e parenti (e anche per i non italofoni, ebbene sì non so per quale motivo, ma ovunque vada nessuno riesce a pronunciare il mio nome, dunque per ovviare il problema, ogni qual volta che mi capita di dover abbandonare le italiche terre, lascio il mio nome nel cassetto del comodino vicino al mio letto per usare un diminutivo, che a quanto pare ovunque, sono in grado di pronunciare con una relativa facilità un po’ tutti quanti). Ho 25 anni, appena compiuti ( in realtà sono partito che ero ancora ventiquattrenne) e sono nato in una cittadina vicino Bari, Bitonto. Quando avevo 18 anni, dopo aver terminato gli studi presso il mio liceo (a Bitonto) ho vissuto per circa 10 mesi in Germania, a Berlino. Lì ho avuto la possibilità di migliorare notevolmente le mie capacità in tedesco (soprattutto, ma non solo tedesco!) e alla stesso tempo ebbi anche l’opportunità di fare la mia prima esperienza all’estero. Dopo questa prima esperienza berlinese tornai a casa per potermi iscrivere in università, presso la facoltà di lingue e letterature straniere a bari, dove scelsi come lingue curriculari tedesco e russo. Dopo il mio primo anno di università feci domanda per il progetto Erasmus Plus ed ebbi, ancora una volta, la possibilità di spendere ancora un anno della mia vita in Germania per affinare ancor di più le mie competenze in tedesco, per approfondire ancora di più le mie conoscenze sulla cultura tedesca dei giorni nostri (parafrasando: era una cosa davvero sublime pagare le Paul Haner solo 1,30 euro) e poi sì, perché no! Portarsi a casa qualche CFU. Dunque partii una seconda volta per la Germania, ma questa volta a Lipsia (stando alle parole dei tedeschi conosciuti in questa seconda esperienza: “una piccola Berlino con pochi stranieri). Una volta finito il mio Erasmus, ovviamente, sono tornato in Italia per terminare il mio corso di studi , ma… ma cosa ve lo dico a fare.. . Una volta tornato non sono riuscita a laurearmi in tempo e per circa tre anni sono caduto in un letargo, che poi ho chiamato “Letargo dell’intimità”. In questo periodo mi sentivo svuotato di tutte quelle caratteristiche e peculiarità che avevano fatto di me, fino a quel momento, la persona che ero. Le prime avvisaglie della “Primavera” le ho avute, quando mia sorella (anche lei, a suo tempo prese parte al progetto del Servizio volontario europeo) non mi mandò sulla chat di Facebook la descrizione di questo progetto in Russia. In Russia. Come ho già detto in università ho studiato tedesco e russo e questo progetto in Russia capitava proprio fagiolo. Era una possibilità più unica che rara. La possibilità di poter passare del tempo in questo paese così vicino, ma così lontano. Un luogo, a prima vista freddo e inospitale, ma in realtà col senno di poi, si è rivelato il luogo adatto per la mia “Primavera” dal “Letargo dell’intimità”.  Il progetto, a cui ho preso parte consiste in un volontariato presso uno degli asili Waldorf nella città di Samara e durante la mia permanenza a Samara presso l’asilo avrei dovuto partecipare alle attività con i bambini, aiutarli a socializzare tra loro, aiutarli a vestirsi e così via. In sostanza una specie di maestro d’asilo senza stipendio e disposto a prendersi cura dei bambini, affidati alle cure e alle attenzioni dell’asilo. Perfetto!

L’unico ostacolo era la laurea. Nell’arco di circa 5 o 6 mesi diedi circa 7 esami e sempre in questi mesi scrissi la mia tesi di laurea e alla fine riuscii a laurearmi. Inutile dire che durante quei mesi più uno zombie che un essere umano. Ma alla fine mi sono laureato, ero libero di partire. Ero libero di vivere questa esperienza in questo paese freddo oltre ogni immaginazione per noi mediterranei e libero di scoprire come “una terra così fredda possa dare alla luce persone così calde e ospitale”. Ci terrei a precisare, ovviamente, come in qualsiasi posto al mondo, ci sono persone più cordiali e persone meno cordiali. Nel caso della Russia, anzi della Russia al di fuori di Mosca e Pietrogrado (esatto sono uno di quei nostalgici, vecchi dentro, che preferiscono Pietrogrado al  posto di San Pietroburgo) si può gustare a fondo un’esperienza autenticamente russa, alla vecchia maniera e assaporare quella cordialità e quel calore, che ci si aspetterebbe da persone che abitano territori più temperati, ma con quella sfumatura tipicamente russa. Samara era lì dietro l’angolo, a portata di mano. Mi bastava solo allungare il braccio e aprire la mia mano per afferrarla. Con questo spirito ho aspettato la data della partenza e in questa attesa il tempo mi sembrò restringersi e così quell’attesa interminabile finì e senza nemmeno accorgermene mi sono trovato a dover salutare amici e parenti ( anche se per poco) per partire.

Il viaggio da Bari a Samara, così come altri viaggi, si è rivelato un viaggio della speranza, mi ci è voluta una giornata per arrivare a destinazione. Però, a onor del vero, ne  valsa pena. Quando sono atterrato all’aereoporto di Samara era ancora buio e non erano ancora arrivati il mio mentore colla mia host family per portarmi in città. Dovete sapere, infatti, che l’aereoporto di Samara si trova, circa, a 37 km di distanza dalla città. Dunque o si prende un taxi, o ci si è organizzati in anticipo  con qualcuno che è sul posto oppure si è costretti ha dovere subito fare i conti con una delle realtà più tipiche della Russia (forse in generale dell’est europeo di matrice slava) la MARSHRUTKA. Ora vorrei premettere che fino a questo momento la mia esperienza in Russia è per lo più positiva, ma una cosa alla quale penso non mi abituerò mai è la Marshrutka. La Marshrutka altro non è che un pulmino, che appartiene a un privato cittadino, che viene adibito a mezzo di trasporto pubblico. Al suo interno vi potranno entrare, a seconda della tipologia del mezzo messo a disposizione dall’autista, 10-15 persone. Ma la dura realtà è che, non si sa come, puntualmente ci entrino dalle 20-30 persone. In sostanza come primo approccio a ciò e russo potrebbe risultare come traumatico. Il lato positivo però è che di solito sono molto rapidi a raggiungere le varie fermate (giusto per precisare, le fermate sono su prenotazione. Bisogna dire ad alta voce “na sledushaja ostonvka, pozhalujsta”, che reso in italiano sarebbe: alla prossima fermata, per favore). Fortunatamente, prima di partire mi ero organizzato col mio mentore Denis e sarebbe venuto a prendermi dall’aereoporto. Uscito, sentii subito l’aria fresca della notte che diventava lentamente giorno, dovetti aspettare circa un quarto d’ora prima che Denis arrivasse a prendermi colla sua macchina. Nel mentre mi ero fumato la prima sigaretta in Russa. Mentre fumavo, però, osso dire di avere avuto una specie di compagnia. Era un tassista, che insistentemente, mi chiedeva se avessi bisogno di un passaggio per arrivare in città. Dovevo solamente dirgli qualcosa tipo: “No no grazie non c’è bisogno” oppure “Ho già fatto”. Eheheh mai fino a quel momento è stato così difficile farmi capire; tra me, che ovviamente dopo una triennale in russo e non essere mai stato in Russia, non è che il mio russo fosse così comprensibile (anche per i madrelingua) e il tassista, il quale non parlava inglese e tentava di farsi capire tra gesti e parole incomprensibili. Ma alla fine, viste le difficoltà comunicative e i miei continui rifiuti (a gesti ovviamente), aveva capito che per lui non c’era nulla da fare. Si girò dall’altra parte e andò verso una coppietta appena uscita dall’aereoporto per offrire i sui servigi a qualcuno, che spero, fosse in grado di capire ciò che diceva. In tutto ciò Denis era arrivato. Dopo esserci salutai e presentati per bene c’incamminammo verso la macchina, la quale era stata parcheggiata a circa una decina di minuti di camminata dall’uscita. Mi aiutò a mettere la valigia nel cofano della macchina e partimmo verso la città. Come ho già più sopra, tra l’aereoporto e la città di Samara, ci sono circa 37 km di distanza, traslato in tempo circa 45-50 minuti.

La mia prima impressione della Russia, nel distretto federale del Volga, nel samarskij Oblast’, ha fatto riferimento alle parole del mio professore di lingua e traduzione e letteratura russa del primo anno di università. Era la lezione, del primo anno, di letteratura russa I  il professore c’introdusse alla letteratura russa con queste parole: “ Ragazzi, nella letteratura russa ci sono due concetti fondamentali, che ritroverete in ogni singolo autore e in ogni singolo tema che andremo ad affrontare e che affronterete anche nel corso di letteratura russa II. Questi sono: Prostor e Krosota. Prostor è la grandezza sconfinata della steppa della Russia, senza confini, che influisce sull’animo dei russi e di coloro che abitano la steppa. Essi finisco col diventare immensi, come la steppa. Krosota, invece, è la bellezza divina. Quella bellezza alle quale, ogni russo tende; quella bellazza che possiamo ritrovare nel viso di un bambino, quando scopre qualcosa di nuovo nel mondo, che gli è stato donato da Dio”. Ora mi trovavo in Russia. La terra del Prostor e della Krosota e in quella macchina, in quei 50 minuti di viaggio fino in città, ho ricordato quella scena e quelle parole del mio professore, le quali in quel momento mi sembrano così lontane e sfuggenti; ma in quella macchina, dopo il mio arrivo, per la prima volta mi era quasi sembrato di vedere dal finestrino quel Prostor del quale stava parlando il professore. Una vista sconfinata, che si estendeva a perdita d’occhio in tutte le direzioni. Quella era la steppa. La stessa spetta di Temujin (Cinghiz Khan) e dei sui Mongoli, la steppa degli Unni e degli Sciti (non gli sciiti, potete trovarli in Iran) la stessa steppa del “Canto della schiera di Igor’”, la stessa steppa che parte dall’Ucraina e arriva in Manciuria. Una terra piena di storia e di genti e di lingue, che secoli, forse anche millenni, hanno convissuto insieme in questo luogo senza confini, mischiandosi fra loro e facendosi anche la guerra tra loro. Quella che vedevo dal finestrino dell’auto di Denis, non era semplicemente la steppa infinita, era il concretizzarsi di un sogno ricordato una marea di volte, quella era la grande steppa che si presentava ai miei occhi in tutta la sua grandiosità e bellezza e cruda realtà. Questo era era quel Prostor del quale stava parlando il mio professore di russo, ed ero riuscito a vederlo. Sentivo che qualcosa si stava smuovendo, ma ancora no riusci bene a capire cosa si stesse muovendo nei meandri più profondi della mia persona. Ora penso di poter dire che , quello che ho sentito muoversi nel mio “animo” è stata “la Primavera”, di cui ho parlato all’inizio. Devo dire però, che è davvero ironico che sia partito da casa con questo “letargo dei sentimenti” e ora arrivo in Russia, alle soglie dell’Autunno e poi l’Inverno, per svegliarmi da questo letargo. Il Prostor, insomma, ha avuto il suo effetto e non potevo essere più soddisfatto.

SVE a Samara: un bilancio dei miei 9 mesi

Concluso il mio periodo di volontariato al Samara Waldorf Kindergarten e al Samara Jewish kindergarten Makkabi nella cittadina russa di Samara, è tempo di fare qualche bilancio di questa esperienza.

Il progetto mi ha vista coinvolta nell’implementazione di attività pedagogiche innovative, quali la realizzazione di giocattoli, la lettura, l’ascolto di musica, la pittura e il teatro, sempre sotto il coordinamento dell’organizzazione Lastochki, che si è sempre presa cura dei miei bisogni logistici e pratici.

asilo

Gli obiettivi che il progetto si proponeva di raggiungere erano vari e vasti, ma adeguati alla durata del progetto. A memoria, i principali erano sviluppare la solidarietà e promuovere la tolleranza e la coesione, oltre alla promozione della mobilità giovanile tra l’ovest e l’est Europa per favorire il contatto tra le due culture e la reciproca comprensione.

Fini ambiziosi e generali, che si sono fortunatamente concretizzati in un’attività circoscritta, stimolante e coerente con gli indirizzi di massima del progetto.

Questa esperienza mi ha insegnato davvero mille cose. Ho migliorato molto il mio inglese, lingua che ho usato di continuo per parlare con gli altri di me, della mia cultura e per sapere di più da loro della cultura russa. Lavorando in un asilo, ho imparato moltissime cose sulla comunicazione con i bambini, campo nel quale non avevo esperienze sostanziali; può sembrare strano, ma sento di aver potenziato fortemente la mia abilità linguistica: ora so comunicare efficacemente con un tipo di interlocutore i cui mezzi d’espressione prima mi erano sconosciuti. Ho imparato tutto questo dai bambini, giorno dopo giorno, ed è stato divertente ballare e danzare con loro, e imparare ad interagire.

Ho imparato molto sulla cultura e sulle persone russe: ho imparato che in Russia sorridere pubblicamente ti fa sembrare uno sciocco, ma che i russi, anche se appaiono così seriosi in pubblico, con gli amici si comportano in modo molto diverso e diventano persone divertenti e chiacchierone. Ho imparato che i russi amano il teatro, e che lì, a differenza che in Italia, costa poco andarci. E così anche io ho imparato quanto sia bello il teatro.

Ho imparato ad adottare strategie di problem solving coerenti con le sfide che ho affrontato ogni giorno. Ho imparato anche ad usare i grafici e i disegni in modo semplice per spiegare ai bambini cose difficili, come la matematica, e soprattutto ho imparato mille tattiche per attirare la loro attenzione e per gestirli. Lavorare all’asilo mi ha aiutata a sviluppare la mia creatività, ad essere proattiva e a programmare attività.

Ho adorato questo progetto, e ho apprezzato enormemente la possibilità di mettere in atto le mie idee ed iniziative. Nella mia permanenza a Samara ho cercato di portare avanti un progetto per fare in modo che i volontari fossero impiegati nell’insegnamento dell’inglese ai bambini dell’asilo.  Di solito questa è un’attività abituale negli asili russi, ma essendo le strutture in cui ho prestato il mio servizio pubbliche, non avevano abbastanza fondi per permettersi un insegnante stabile. Credo che sia un’idea lavorativa stimolante e soddisfacente, sebbene mi renda conto dei possibili ostacoli a una piena implementazione di un progetto di tal genere: primo tra tutti il fatto che spesso i volontari si fermano qui per periodi brevi, in secondo luogo il fatto che molti di essi non conoscano il russo, o almeno non quanto servirebbe. Sono convinta però che questa sia una tematica su cui i due kindergarten potranno lavorare nell futuro, magari stabilendo dei parametri di scelta dei volontari più stringenti e selettivi.

Nel complesso, la mia esperienza a Samara è stata assolutamente positiva.

L’esperienza di Irina dopo lo SVE Samara Waldorf Kindergarten

 

Lo SVE Samara Waldorf Kindergarten di 9 mesi in Russia è giunto al termine per Irina, la nostra volontaria. Qui raccontiamo la sua esperienza a Samara.

 

Anche Irina è tornata in Italia, dopo un’esperienza di 9 mesi come volontaria SVE in Russia, all’asilo Waldorf di Samara. Questa scuola è una delle poche in Russia ad utilizzare il metodo educativo Waldorf Steiner, che riprende il nome del filosofo e pedagogista austriaco Rudolf Steiner. L’obiettivo principale di questa metodologia è di creare un equilibrio tra anima, corpo e spirito, quindi tra l’esterno e l’interno della crescita del bambino.

 

image

 

Su questo equilibrio si poggia secondo Steiner la capacità del bambino di divenire in futuro un uomo autonomo, libero e fiducioso in se stesso. A tale scopo questo metodo educativo privilegia l’attività di qualunque genere, espressiva, creativa e motoria, riconoscendo pari dignità alle materie intellettuali, artistiche e manuali.

 

Questo progetto ha previsto attività giornaliere nella struttura dell’asilo che vedevano come protagonisti i bambini. Irina si è occupata della colazione, della preparazione e pulizia dei tavoli, della cura dei bambini sia all’interno che all’esterno dell’asilo, nel caso in cui erano coinvolte attività fuori dalla struttura.

 

IMG_2319

 

Irina si può ritenere soddisfatta di questo SVE, nonostante le difficoltà avute con la lingua locale e con l’accomodation. Raccomanda fortemente a tutti un progetto di questo tipo, in quanto crede che sia un ottimo modo per sfidare se stessi e i suoi limiti, per migliorare la personalità e le qualità individuali.

 

 

SVE Samara Waldorf Kindergarten: le impressioni del volontario Antonio dopo 9 mesi in Russia

 

Si è concluso lo SVE Samara Waldorf Kindergarten svoltosi a Samara, in Russia. Il nostro volontario italiano Antonio è tornato una settimana fa in Italia, dopo aver passato 9 mesi nella fredda ma accogliente Russia.

 

Come riprende anche lo stesso nome del progetto, questo SVE si occupava principalmente di bambini e di tutto ciò che li riguardava, come vestirli, assisterli durante i pasti, e giocare con loro. Come ripreso dal nome della HO, l’asilo fa uso del metodo educativo Waldorf, che prende il nome dal filosofo e pedagogista austriaco Rudolf Steiner. L’obiettivo principale è di formare individualità libere, coltivando le potenzialità di ciascun bambino nel rispetto dei suoi tempi di evoluzione fisica e interiore. Nell’educazione steineriana corpo, anima e spirito hanno infatti pari dignità.

 

senza titolo-2343 low

 

Antonio descrive questi 9 mesi come un’esperienza fantastica, un’esperienza che ha soddisfatto le sue aspettative e gli obiettivi che si era prefissato prima della partenza, come il miglioramento della conoscenza della lingua russa.

 

senza titolo-1023

 

Antonio consiglia vivamente un’esperienza di Servizio Volontario Europeo, poiché crede che aiuti il prossimo. Inoltre è anche un buon modo per conoscere nuove culture e società, abbattendo i confini mentali.