L’ESC di Camilla in Tunisia

Il progetto “Volunteers. Opportunities. Community. Interculturalism in Tunisia” è co-finanziato dal Programma Corpo Europeo di Solidarietà dell’Unione Europea 🇪🇺 e prevede la partecipazione di 30 volontari italiani a Sousse in attività rivolte alla comunità locale per favorire aggregazione, partecipazione e interculturalismo

Ciao a tutte e a tutti,


Mi chiamo Camilla, ho 28 anni e ho svolto il mio ESC in Tunisia da giugno ad agosto 2021 e per tutto il tempo trascorso lì posso dire con entusiasmo che è stata un’esperienza straordinaria. La Tunisia è un paese che da sempre ha esercitato un forte fascino su di me, sia per la vicinanza geografica con l’Italia, sia perché nella mia città natale, Napoli, vivono molti tunisini, sia perché dalla riuscita della primavera araba mi sono convinta che fosse un paese davvero speciale, pieno di consapevolezza delle proprie energie e di attese per il proprio futuro. Con scambi europei si è poi presentata l’ occasione di partire e conoscere la Tunisia da vicino e il sogno è finalmente diventato realtà. È stato il primo paese arabo che ho toccato con mano e che, a sua volta, a toccato il mio cuore. I tunisini sono incredibilmente accoglienti e disponibili, sono disposti a scortarti ovunque, a proteggerti e ragguagliarti dai pericoli che loro stessi conoscono e si, anche a invitarti inaspettatamente ai loro matrimoni! Di questo paese ho apprezzato ogni giorno trascorso lì, e con altrettanta gratitudine e amarezza ho dovuto lasciarlo, anche se so di per certo che è solo un arrivederci, perché la voglia di ritornare è già tanta. La fortuna è stata anche avere dei compagni di viaggio fantastici, a cui sono grata per questa splendida avventura; a proposito, non avrei potuto chiedere di meglio!
Ci siamo molto supportati a vicenda e ci siamo presi così tanto cura l’uno dell’altra che da subito ci è sembrato di conoscerci da tanto tempo. Insomma dopo 2 anni trascorsi in Italia tra chiusure e aperture a causa del covid, questa esperienza è stata una svolta importantissima, la rottura definitiva col senso di grigiore e fiacchezza che soprattutto
noi giovani viaggiatori ci siamo ritrovati a vivere. La Tunisia ha rappresentato una nuova ed energica ripartenza, sia per me che per i miei compagni e mi sento enormemente grata nei confronti di ogni persona che ha reso possibile questa esperienza. Qualora vi stiate ancora chiedendo se partire o meno, la risposta è cogliete l’attimo, perché la Tunisia merita davvero di essere vissuta!


Camilla, ESC volunteer in Tunisia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *