Un punto sulle attività dello scambio “Know the way, go the way, show the way”

Si è concluso il progetto “Know the way, go the way, show the way”, organizzato da SEAL CY, associazione cipriota che opera nel campo di un’educazione sostenibile e dell’apprendimento attivo.

Il progetto ha riguardato il problema della disoccupazione giovanile, una piaga sociale che sta attanagliando tutti gli Stati Europei in questo momento storico. Gli obiettivi del progetto sono stati:

 

 

  • sviluppo competenze nell’ambito lavorativo
  • sviluppo capacità comunicative
  • sviluppo capacità manageriali
  • confronto e discussione sul tema della disoccupazione giovanile a livello internazionale
  • sviluppo skills di leadership

 

Hanno partecipato giovani lavoratori e ragazzi provenienti da diversi paesi. Il progetto si è svolto a Larnaca dal 30 settembre al 7 ottobre.

 

Tutte le attività di lavoro hanno avuto lo scopo di agevolare l’apprendimento dei partecipanti tramite la condivisione di esperienze. è stata utilizzata una metodologia di insegnamento informale che ha incluso giochi di ruolo, simulazioni, dibattiti, letture interattive, ascolto di materiale audio, gruppi di discussione ristretti ed altro.
Il progetto “Know the way, go the way, show the way” ha dato modo ai partecipanti di sviluppare le abilità necessarie al fine di analizzare le proprie forze e debolezze e di stabilire i propri obiettivi personali e professionali. I partecipanti sono stati spinti ad avere fiducia nei propri mezzi, ad avere un atteggiamento positivo, e gli sono state insegnate modi e tecniche per raggiungere questi scopi.

 

In un momento di così grande difficoltà come quello attuale, riteniamo che il corso abbia fornito a giovani ragazzi un apporto reale e sostanziale per proporsi in modo valido sul mercato del lavoro, che sempre di più assume i connotati di una jungla inestricabile.

 

Crediamo che le nuove competenze apprese saranno per chi ha partecipato un mezzo fondamentale per distinguersi sul mercato del lavoro e primeggiare nel settore nel quale tali competenze verranno applicate.

Un punto sulle attività del progetto “Entrepreneurial Ideas”

Chiuse le attività, è il momento di fare il punto sul progetto  “Enterpreneurial Ideas”

 

“Initiative Sociale” Association, together with its partners: Hellenic Youth Participation (Greece), Scambieuropei (Italy), Europejska Fundacja Edukacy jno-Sportowa (Poland), Asociacion DESES-3 (Spain) and European Youth Bank (Turkey ) announces the completion of project activities “Entrepreneurial Ideas”.

This project is funded by the European Union through the “Erasm us +” Programme, Key Action 1: Learning Mobility of Individuals – Mobility project for y oung people and y outh workers.

The project group was formed out of a total of 50 participants (43 young people aged between 18 and 30 y ears old and 7 leaders without age limit).

They participated for 10 day s (excluding travel day s) to various activities by means of non-formal education, through which were intended the following: to raise the awareness on the necesity of developing the entrepreneurial spirit, but also to improove the skills and competencies in the domain of entrepreneurship.

Project duration: 18 May – 18 December 2015

Duration of the youth exchange: 17 –27 September 2015

Location of the youth exchange: Eforie Nord, Constanta

The location of the project was Eforie Nord, Constanta county, where the participants had the chance to spend their time in a proper environment for communicating and working in teams in order to accomplish goals regarding the domain of ent repreneurship and also had the oportunity to discover the cultural diversity of each of the participating countries.

The specific objectives of this youth exchange were:

1. Raising the awareness for 43 participants and 7 group leaders on the need to promote and develop entrepreneurship in the current economic context.

2. Raising the awareness of the participants from the 6 participating countries about the importance of young entrepreneurs and their role in shaping the future of European society .

3. Encourage participants to develop entrepreneurial ideas by involving y oung people with fewer opportunities.

4. Writing of concret business plans (start-up) in a multicultural environment.

5. Developing and encouraging the solidarity and tolerance among young people, in particular to strengthen social cohesion in the EU.

6. Creating a network for future collaboration between the project partners.

Regarding the direct results of this project, we can mention the raise of the awareness on the need of promoting and developing entrepreneurship and also the the raise of the knowledge amount in this domain, so that in the future the participants can be able to start up businesses, as potential enterpreneurs.

At the same time, during this youth exchange, the intercultural dialogue and the exchange were facilitated, in order for the participants to succeed to cross the possible cultural barriers. More than that, through the active participation of the participants during all the activities, it existed an intercultural bond which had a positive impact on the entire project.

Moreover, there were also outputs of the project, such as the blog that we created, written in English (www.entrepreneurial-ideas-project.blogspot.ro). The blog is a platform of communication among participants, different organizations or other persons interested in this youth exchange. At the same time, the blog is a platform of presentation of the photos, movies and different materials done by the participants.

For further information please contact us at the following contact details:

E-mail: initiative.sociale@gmail.com

Blog: www.entrepreneurial-ideas-project.blogspot.ro

WE LOVE SPORT – social inclusion through sport

 

 

Al via il progetto di scambio culturale su sport e cultura sportiva!

 

Sports Club Bogojina has between 18th and 25th September within the programme Erasmus + and with the help of the Institute for the development of youth mobility – MOVIT organized an international youth exchange project We love sport and connected 40 young people from Slovenia, Croatia, Slovakia and Italy.

Through non-formal learning methods were young people between 14 and 30 years of age looking for solutions on how young people from less privileged backgrounds should be integrated into society through various sports activities. They explored mechanisms that promote intangible rewards, stimulate and promote values ​​such as solidarity, charity and self-help.

By addressing the problem of exclusion, have young people found through sport and non-governmental organizations an alternative entry point into the social and economic life in the community. In interactive workshops young people have shared experiences from their countries while they learned about the culture of their peers from partner countries and visited cities Murska Sobota and Bogojina.

At the end of the project the participants prepared in the Sports and Recreation Center Bogojina a sporting event which involved interesting games from their Countries, some of them were even thought of during the project. Mixed Erasmus + teams were joined by the local societies, namely folklore group Bogojina, voluntary fire brigade Bogojina and folklore group Kobilje. Participants competed in a tug of war, jumping in sacks and other relay games, which they named “Assball”, “WheelBallow”, “Aquapain”, “Swimball.” All games were very interesting, filled with lots of cheer and laughter.

International exchange was an excellent opportunity for making new acquaintances, learning about other cultures and traditions, increasing the knowledge of foreign languages, acquiring confidence in public speaking and other skills. Participants enjoyed the exchange very much. Mostly they were enchanted by the landscape, neat looking surroundings and friendly people.

 

 

Al via Share­it, un progetto per promuovere gli strumenti e le strategie social per il no profit!

STRUMENTI E STRATEGIE SOCIAL PER IL NON PROFIT – CORSO BASE

Erasmus plus: Training course KA 1

 

Bologna, 12 ottobre 2015

 

dal 24 al 31 ottobre ottobre Bologna si fa internazionale!

L’associazione Scambieuropei è lieta di aprire le danze al progetto Share­It, lo scambio culturale che avrà luogo ad ottobre presso la bella location Bolognese. L’iniziativa coinvolgerà 24 giovani partecipanti provenienti da 7 diversi stati europei: Italia, Spagna, Croazia, Cirpo, Lettonia, Turchia e Portogallo.

L’obiettivo del progetto sarà quello di condividere strumenti e strategie social che possano essere rielaborate e usate dai giovani partecipanti al livello tanto personale quanto profesisonale, soprattuto nel mondo delle Ong 2.0

Il progetto prevederà sessioni di lavoro basate su metodi di educazione informali, quali workshops, attività ricreative, giochi di ruolo, ed altre. L’argomento principale riguarderà discussione su come le nuove tecnologie hanno cambiato il mondo e come le ong e più in generale il non profit, abbiamo sempre più necessità di iniziare a pensare 2.0

La proposta cerca di dare un contributo effettivo e tangibile a quelle Ong che non hanno una vera e propria strategia di comunicazione epubbliche relazioni e sono quindi, spesos, destinate a rimanere in penombra nonostante la qualità dei progetti che propongono e gli sforzi dei giovani che lavorano per promuovere iniziative sociali e culturali dall’alto valore formativo

L’ambizione del progetto è proprio quella di dare un beneficio concreto e una parziale risposta a questo bisogno, il tutto in un contesto informale che punterà a costruire per i partecipanti un’esperienza che non sia solo formativa ma anche divertente e stimolante sotto svariati punti di vista.

 

Contatti:

Scambieuropei: redazione(at)scambieuropei(punto)com

Freedom vs fear: un progetto in Romania sul tema dei diritti umani

 

Freedom vs fear: un progetto in Romania sul tema dei diritti umani

 

Il training course “freedom vs fear” a Sibiu è stata la mia prima esperienza con Scambieuropei e devo ammettere che la realtà ha di lunga superato le aspettative.  Il corso è stato davvero stimolante, non solo da un punto di vista contenutistico ma anche, e soprattutto, da un punto di vista personale.

 

 

Il gruppo di partecipanti era molto vario: venivano da diversi paesi europei e i background erano molto differenti. Così che affrontare un argomento delicato e teorico come quello dei diritti umani si è rivelata un’esperienza estremamente coinvolgente, dal momento che i diritti umani spesse volte avevano un significato differente per ciascuno di noi, portandoci ad avere dibattiti molto profondi che inevitabilmente continuavano al di fuori delle sessioni.

 

 

Ho particolarmente apprezzato lo scambio di idee, di prospettive ed esperienze che, seppure non condivise, mi hanno aiutata ad ampliare i miei orizzonti nonché ad essere mentalmente più flessibile e comprensiva. Sebbene inizialmente fossi un po’ scettica, mi è piaciuto molto anche il fatto che abbiano partecipato persone di età disparate. Ho infatti potuto ascoltare e chiedere consigli a coloro i quali posseggono più esperienza di me ma, allo stesso tempo, io stessa ho potuto essere una mentore per i ragazzi di qualche anno più piccoli di me.

 

Quando ho visto il programma del training course, devo ammettere che l’idea di passare una settimana intera, giorno e notte, con persone sconosciute mi turbava poiché l’esperienza sarebbe potuta rivelarsi drammatica nel caso non mi fossi trovata bene.

 

 

Fortunatamente però, ho fatto amicizia velocemente con tutti i partecipanti e, ancora di più, con le mie compagne di stanza, con le quali avrei persino voluto poter passare più tempo. Sono rimasta particolarmente colpita dal fatto che l’intero gruppo fosse molto unito, sia durante le sessioni che nel tempo libero.

 

L’integrazione è stata completamente omogenea e questo forse è avvenuto grazie alle organizzatrici che hanno fatto in modo che i gruppi di lavoro fossero sempre diversi. Sono molto felice di aver avuto l’opportunità di andare in Romania, e particolarmente, a Sibiu, una cittadina deliziosa. Ora come ora, non riuscirei ad immaginare il training course con partecipanti diversi da quelli che vi hanno preso parte e in una località differente e ho paura che, semmai dovessi prendere parte ad altri scambi, le mie aspettative saranno molto alte.

 

 

Giulia Victoria Sale

 

 

Better Enterpreneurs, Better Citizens: Matteo ci racconta il progetto in un video

 

Il nostro partecipante Matteo Michelini ci racconta, attraverso un video, la sua esperienza durante il progetto di Training Course Better Enterpreneurs, Better Citizens, tenutosi ad Amandola, e regalandoci il suo punto di vista sull’importanza di cogliere queste opportunità offerte dal programma Erasmus Plus

 

Buona visione!

 

 

 

 

Matteo Michelini

 

SVE a Samara: un bilancio dei miei 9 mesi

Concluso il mio periodo di volontariato al Samara Waldorf Kindergarten e al Samara Jewish kindergarten Makkabi nella cittadina russa di Samara, è tempo di fare qualche bilancio di questa esperienza.

Il progetto mi ha vista coinvolta nell’implementazione di attività pedagogiche innovative, quali la realizzazione di giocattoli, la lettura, l’ascolto di musica, la pittura e il teatro, sempre sotto il coordinamento dell’organizzazione Lastochki, che si è sempre presa cura dei miei bisogni logistici e pratici.

asilo

Gli obiettivi che il progetto si proponeva di raggiungere erano vari e vasti, ma adeguati alla durata del progetto. A memoria, i principali erano sviluppare la solidarietà e promuovere la tolleranza e la coesione, oltre alla promozione della mobilità giovanile tra l’ovest e l’est Europa per favorire il contatto tra le due culture e la reciproca comprensione.

Fini ambiziosi e generali, che si sono fortunatamente concretizzati in un’attività circoscritta, stimolante e coerente con gli indirizzi di massima del progetto.

Questa esperienza mi ha insegnato davvero mille cose. Ho migliorato molto il mio inglese, lingua che ho usato di continuo per parlare con gli altri di me, della mia cultura e per sapere di più da loro della cultura russa. Lavorando in un asilo, ho imparato moltissime cose sulla comunicazione con i bambini, campo nel quale non avevo esperienze sostanziali; può sembrare strano, ma sento di aver potenziato fortemente la mia abilità linguistica: ora so comunicare efficacemente con un tipo di interlocutore i cui mezzi d’espressione prima mi erano sconosciuti. Ho imparato tutto questo dai bambini, giorno dopo giorno, ed è stato divertente ballare e danzare con loro, e imparare ad interagire.

Ho imparato molto sulla cultura e sulle persone russe: ho imparato che in Russia sorridere pubblicamente ti fa sembrare uno sciocco, ma che i russi, anche se appaiono così seriosi in pubblico, con gli amici si comportano in modo molto diverso e diventano persone divertenti e chiacchierone. Ho imparato che i russi amano il teatro, e che lì, a differenza che in Italia, costa poco andarci. E così anche io ho imparato quanto sia bello il teatro.

Ho imparato ad adottare strategie di problem solving coerenti con le sfide che ho affrontato ogni giorno. Ho imparato anche ad usare i grafici e i disegni in modo semplice per spiegare ai bambini cose difficili, come la matematica, e soprattutto ho imparato mille tattiche per attirare la loro attenzione e per gestirli. Lavorare all’asilo mi ha aiutata a sviluppare la mia creatività, ad essere proattiva e a programmare attività.

Ho adorato questo progetto, e ho apprezzato enormemente la possibilità di mettere in atto le mie idee ed iniziative. Nella mia permanenza a Samara ho cercato di portare avanti un progetto per fare in modo che i volontari fossero impiegati nell’insegnamento dell’inglese ai bambini dell’asilo.  Di solito questa è un’attività abituale negli asili russi, ma essendo le strutture in cui ho prestato il mio servizio pubbliche, non avevano abbastanza fondi per permettersi un insegnante stabile. Credo che sia un’idea lavorativa stimolante e soddisfacente, sebbene mi renda conto dei possibili ostacoli a una piena implementazione di un progetto di tal genere: primo tra tutti il fatto che spesso i volontari si fermano qui per periodi brevi, in secondo luogo il fatto che molti di essi non conoscano il russo, o almeno non quanto servirebbe. Sono convinta però che questa sia una tematica su cui i due kindergarten potranno lavorare nell futuro, magari stabilendo dei parametri di scelta dei volontari più stringenti e selettivi.

Nel complesso, la mia esperienza a Samara è stata assolutamente positiva.

Better Enterpreneurs, Better Citizens: la mia esperienza

Dal 19 al 27 giugno ho partecipato al Training course”Better Enterpreneurs, Better Citizens”, organizzato ad Amandola, nelle Marche, dall’associazione Scambieuropei e…

 

20150621_164954

 

è stato il mio primo scambio, e dunque da un lato ero entusiasta per questa nuova esperienza, dall’altro però non sapevo bene cosa aspettarmi. La mia più grande paura era relativa alla parte formativa del progetto: temevo che questa settimana avrebbe potuto ridursi ad un mero periodo di vacanza e mi chiedevo come in un lasso di tempo così breve e usando metodi di insegnamento informali si potessero raggiungere gli ambiziosi obiettivi che lo scambio si proponeva.

 

Tutti i miei timori sono stati sfatati, e l’esperienza non è stata solo piacevolissima dal punto di vista umano, ma soprattutto ha contribuito in maniera significativo al mio empowerment in primo luogo personale, e secondariamente lavorativo. Voglio iniziare col dire che trovo questa opportunità che le istituzioni europee danno a giovani e non di tutto il continente di condividere esperienze culturali  e formative di crescita abbia un valore assolutamente impagabile sia nel processo di crescita della mia generazione sia nel percorso di integrazione europea in atto.

 

Venendo poi al progetto, innanzitutto sono rimasto davvero stupito dalla bellezza di questa zona d’Italia che non conoscevo, dai suoi paesaggi unici, dai colori e dalla cordialità delle persone. Porterò con me davvero un bel ricordo dei Monti Sibillini.

 

20150623_204427

 

Il principale obiettivo dello scambio era la promozione dei concetti di cittadinanza europea e di employability, due punti di empowerment fondamentali per i giovani d’oggi. Oltre a questo, vi erano alcuni obiettivi laterali, quali l’insegnamento delle competenze necessarie a gestire progetti giovanili di qualità e della capacità di agire da diffusori delle nuove abilità apprese.

 

A mio avviso, il progetto ha raggiunto tutti i suoi fini e mi ha dato molto più di quanto mi sarei aspettato. L’aspetto su cui il successo è stato più evidente e clamoroso è stato quello della promozione del significato di cittadinanza europea. Non avevo mai riflettuto su quanto questo concetto non fosse solo teorico e simbolico ma anche e soprattutto pratico: questa esperienza mi ha insegnato molto su cosa voglia dire essere cittadino dell’Europa in termini di diritti, doveri ed opportunità.

 

Ritengo che il contesto informale e la partecipazione al progetto di ragazzi di diversi paesi abbiano contribuito in maniera sostanziale all’efficace trasmissione del messaggio, perché ci hanno fatto avvertire davvero quale sia il senso di parole come integrazione e multiculturalismo.

 

20150624_114753

Oltre a questo, il corso si è concentrato molto efficacemente anche sul concetto di employability, e su quanto esperienze di volontariato e di partecipazione attiva nella vita civile siano funzionali al suo miglioramento. In questo caso, un contributo decisivo alla buona riuscita delle attività è venuto dall’utilizzo di focus group e dalla condivisione di esperienze tra partecipanti. è stato molto bello sentirsi protagonisti attivi del proprio processo di apprendimento!

 

Trovo che gli organizzatori abbiano saputo sfruttare appieno il potenziale fornito dalla stagione estiva e dalla stupenda location, facendoci fare molte attività all’aperto: tutto questo ha reso l’apprendimento molto più spontaneo, dava un senso di gioia a quello che facevamo e rendeva le attività molto leggeri, quasi come se fossero dei giochi, ma al contempo estremamente efficaci.

 

Al termine di questa settimana credo di poter dire che sia stata un’esperienza formidabile sotto ogni punto di vista: umano, perché ho conosciuto tante splendide persone e visto luoghi meravigliosi, e formativo, perché ho imparato tanto sull’Europa, su come avere una mentalità più “imprenditoriale” e su quale siano le principali direttrici per migliorarmi in futuro.

 

Soprattutto, non vedo l’ora di partire nuovo.

 

Se il progetto vi affascina, guardate la GALLERY del Training Course

 

 

Back to the origins: Svetlana’s story

Un nostro volontario che racconta la storia di una nostra volontaria. Questo e altro ai confini dell’Europa, fino a dove arriva Scambieuropei. So’ soddisfazioni!

 

Svetlana’s story could be considered the most original among this new group of volunteers. And her name itself is the first step towards investigation.

Born in Ukraine 22 years ago but then moved at the age of 5 to Italy, this young girl is nowadays searching to establish a contact within her true Slavic origins. Every moment here in Sumy is an epiphany – to recall Joyce’s most famous image – that drives her memories back to the past (the orphanage in which she ended up in the early childhood for a shortage of care from her parents, her brother’s glance already missed several years ago but still kept in mind as a weapon to preserve something that could be still alive…).

Taking care about children – especially those who have not been so fortunate either because of health or family issues – is one of Svetlana’s main purposes at this moment, what she also dreams to be done in the next future. And university studies are leading her person in that direction so far.

She is trying to discover new pedagogical assessments by herself in the hospital where most of the weekends are spent up with the purpose of alleviating clinical treatments’ harshness to local youth, by improving some games and activities to make them more comfortable throughout the whole period of recovery. She is also willing to create kind of “satellite-families” to assist children after the departure from the orphanages, as most of them will not have someone to be cared of.

Implementing academic conventions about social service in Italy – thus making comparisons to the current situation of welfare state in Ukraine – is another battle for this self-determined girl, very fond of studying international laws regarding family issues within a world-wide perspective.

And this determination will be an unexpected gift for the local community, glad to see a compatriot truly engaged to preserve childhood from its natural rights.

Riccardo Bravi

Originariamente pubblicato sul sito del nostro partner ucraino “CEI” (Center of European Integration” )

Al via Better Citizens, Better Entrepreneurs, un progetto per promuovere strumenti e strategie social per non profit

Al via Better Citizens, Better Entrepreneurs

Erasmus plus: Training course KA 1

 

Bologna, 12 luglio 2015

 

Da 19 al 27 luglio Amandola si fa internazionale!

L’associazione Scambieuropei è lieta di aprire le danze al progetto Better Citizens, Better Entrepreneurs, lo scambio culturale che avrà luogo ad Amandola, la cittadina marchigiana situata ai piedi dei Monti Sibillini

L’iniziativa coinvolgerà 18 giovani partecipanti provenienti da 6 diversi stati europei: Italia, Lettonia, Cipro, Croazia, Spagna, Romania e Turchia.

L’obiettivo del progetto è quello di promuovere la cittadinanza europea e l’occupabilità attraverso l’acquisizione di competenze teoriche e pratiche per favorire l’imprenditorialità giovanile. Il progetto prevederà sessioni di lavoro basate su metodi di educazione informali, quali workshops, attività ricreative, giochi di ruolo, ed altre. L’argomento principale riguarderà discussione su come utilizzare le metodologie imprenditoriali per avere successo nel mondo del lavoro e riuscire a raggiungere i propri traguardi

La proposta cerca di dare un contributo effettivo e tangibile a tutti quei giovani in cerca di lavoro che vogliono promuovere il proprio business in un contesto lavorativo che valorizzi le loro capacità ed attitudini

L’ambizione del progetto è proprio quella di dare un beneficio concreto e una parziale risposta a questo bisogno, il tutto in un contesto informale che punterà a costruire per i partecipanti un’esperienza che non sia solo formativa ma anche divertente e stimolante sotto svariati punti di vista.

 

Contatti:

Scambieuropei: redazione(at)scambieuropei(punto)com