esc

Cultura e diritti: il pensiero di Giulia

Giulia è stata una delle volontarie che ha svolto la sua esperienza a Gaziantep.

Ci ha inviato questa interessante riflessione sullo scontro e “imposizione” culturale.

Il progetto “ESC Volunteers in Gaziantep: Be Active for Community Integration” è co-finanziato dal Programma Corpo Europeo di Solidarietà dell’Unione Europea.

La mia esperienza di volontaria a Gaziantep mi ha consentito di continuare, come ormai da anni faccio, a rimettere in discussione tanti punti di vista e aspetti che spesso scontati per molti, a criticizzare modalità di pensiero consuete.

Dopo diverse esperienze all’estero e formazioni sia in ambito di cooperazione internazionale, sia di etnopsichiatria ( soprattutto!!!) e di geopolitica, ma soprattutto a seguito di ripetuti incontri, scambi con persone direttamente beneficiarie dei “ nostri aiuti umanitari”, o incontrare per caso lungo i miei cammini, mi sono trovata a pormi una serie di interrogativi. Tra questi la condizione dei child labour, il fenomeno dei i bambini al lavoro, oggetto di questo mio contributo.

Leggi tutto »Cultura e diritti: il pensiero di Giulia

In alto i cuori, sempre!

Elena è stata una delle volontarie che ha svolto la sua esperienza a Gaziantep.
Il progetto “ESC volunteers in Gaziantep: Be Active for Community Integration” è co-finanziato dal Programma Corpo Europeo di Solidarietà dell’Unione Europea.

Non è stata un’esperienza semplice, perché dopo dieci giorni dal mio arrivo mi son trovata a dover stare lunghe settimane a riposo per via di una brutta caduta.

Ero triste e amareggiata, che colpo basso! Ma non posso che essere riconoscente verso tutte le persone, compagni di viaggio in primis, che mi hanno sostenuta e che hanno concretamente badato a me (facendomi anche desistere dal rientrare in Italia).

Leggi tutto »In alto i cuori, sempre!

Insieme è il posto più bello dove stare.

Mariagrazia Leonetti è stata una nostra volontaria al progetto “GIVE – Gaziantep Integration by Volunteers from EU”, co-finanziato dal Programma Corpo Europeo di Solidarietà dell’Unione Europea.

Il progetto prevede la partecipazione di 40 volontari in attività volte a promuovere l’inclusione sociale nella comunità locale tra gruppi diversi, tra cui siriani e turchi.

L’immobilità, l’instabilità e le incertezze sul futuro che la pandemia ha portato con sé, sembrano remare contro i giovani, costretti a rimandare i propri progetti e mettere da parte le proprie speranze e ambizioni.

Per fortuna non per tutti è stato così: grazie ad uno dei programmi dell’UE, ho avuto la possibilità di partire per Gaziantep, sud della Turchia al confine con la Siria, e di vivere con entusiasmo l’esperienza ESC.

Leggi tutto »Insieme è il posto più bello dove stare.

Francesca e la sua Gaziantep

Francesca ci spiega cosa significa essere volontari a Gaziantep.

Il progetto “ESC volunteers in Gaziantep: Be Active for Community Integration” è co-finanziato dal Programma Corpo Europeo di Solidarietà dell’Unione Europea.

“Avevo deciso di prendermi del tempo, di donarmi del tempo per prendere una decisione che sapevo mi avrebbe potuto cambiare la vita. Ho riflettuto ben due mesi prima di inoltrare la mia disponibilità per Gaziantep. Avevo paura di non essere pronta, avevo paura di ciò che avrei provato e della mia possibile incapacità nella gestione di situazioni forti come quelle che stavo decidendo di vivere.

Mai scelta fu più giusta.

Leggi tutto »Francesca e la sua Gaziantep

Cosa significa essere volontari a Gaziantep

“Cosa significa essere volontari a Gaziantep?”: ce lo dice Annamaria Ricci, nostra volontaria al progetto “GIVE – Gaziantep Integration by Volunteers from EU”, co-finanziato dal Programma Corpo Europeo di Solidarietà dell’Unione Europea.

Il progetto prevede la partecipazione di 40 volontari in attività volte a promuovere l’inclusione sociale nella comunità locale tra gruppi diversi, tra cui siriani e turchi.

Essere volontaria a Gaziantep significa partire e non sapere cosa ci sarà ad attenderti dall’altro lato.
Significa essere catapultati in una realtà parallela, in cui la tua famiglia si espande a dismisura ogni giorno di più.

Leggi tutto »Cosa significa essere volontari a Gaziantep

Rainbow Association: una scuola di quartiere a Gaziantep

Valentina ci ha inviato questo resoconto sull’associazione Rainbow, con cui ha avuto di collaborare durante il suo progetto di volontariato a Gaziantep.

Valentina è una delle volontarie del progetto “ESC volunteers in Gaziantep: Be Active for Community Integration”, co-finanziato dal Programma Corpo Europeo di Solidarietà dell’Unione Europea.

Tra le varie attività proposte da GEGED, una delle più interessanti e stimolanti è stata la conoscenza e lo stabilire la collaborazione tra GEGED e Rainbow Association, che tuttora continua.

GEGED ci ha dato la possibilità di entrare in contatto con quest’associazione che si propone di offrire non-formal education per bambini siriani in preparazione alla loro iscrizione alla scuola pubblica turca. Fondata nel 2015, Rainbow association diventa un’associazione formale con sede nel quartiere, che viene definito “quartiere siriano” nel 2018.

Leggi tutto »Rainbow Association: una scuola di quartiere a Gaziantep

Il Racconto di un volontariato a Gaziantep

Il racconto di un nostro volontario al progetto “GIVE – Gaziantep Integration by Volunteers from EU”, co-finanziato dal Programma Corpo Europeo di Solidarietà dell’Unione Europea.

Il progetto prevede la partecipazione di 40 volontari in attività volte a promuovere l’inclusione sociale nella comunità locale tra gruppi diversi, tra cui siriani e turchi.

“Dopo 6 mesi di studio ininterrotto, finalmente si riparte. Una partenza strana, fatta di distanze e controlli. Mi stupisce la preparazione di Trenitalia e Aereoporti di Roma, così come l’incompetenza di Turkish Airlines (almeno a Roma): prima mi fa trasferire tutto dallo zaino alla valigia per poi imbarcare entrambe, poi il caos nell’entrata nell’aereo, infine solita calca nell’uscita. I posti non sono alternati e tutti si agitano per trovare un sedile più isolato. In più un gruppo di donnone georgiane inizia una lunga e difficile contrattazione quando ci viene chiesto di firmare una autodichiarazione sul covid. Che dire… può andare solo meglio!

Leggi tutto »Il Racconto di un volontariato a Gaziantep